Conference room   (agg. 06/02/04)

Nel tentativo di chiarire la posizione ciclica attuale, ho realizzato un grafico che mette in relazione i cicli mensili, realizzati con MEDIBA, dei tre indici da me più usati : FIB30 - NASDAQ - DAX.

Leggendo i precedenti articoli, vi ricorderete che nel farvi notare l'evidente divergenza del ciclo del FIB con quello degli altri indici, ero propenso nel credere che il riallineamento sarebbe avvenuto al ribasso, visto che gli altri indici viaggiavano a gonfie vele e la divergenza, per la debolezza del nostro mercato, non poteva durare a lungo.

Se date un'occhiata al grafico aggiornato, noterete che gli indici sono ormai allineati e l'allineamento è avvenuto al ribasso. A questo punto basterà che uno dei tre, svolti al rialzo per essere certi che anche gli altri lo seguiranno.

Tutto ciò si capisce meglio dal grafico :




Per completezza vi riporto un sunto degli articoli precedenti :

I cicli evidenziati dalle linee rosse, blu e verdi sono i cicli mensili dei tre indici indicati (FIB, NASDAQ,DAX), e come si vede chiaramente hanno sempre seguito un percorso parallelo, ed in particolare sia i massimi che i minimi ciclici sono avvenuti in contemporanea o con sfasamento di 1/2 giorni.

Vi posso assicurare che andando indietro con lo storico fino al 2002 la situazione rimane invariata, mentre per chiarezza i tratti mancanti alle linee dei cicli, sono dovuti al fatto che in certe giornate i mercati europei erano chiusi e quelli americani aperti, e viceversa.

Da notare la perfetta coincidenza sul minimo di inizio Ottobre che andava a chiudere il semestrale del ciclo annuale in corso.

Pertanto i cicli hanno viaggiato in simbiosi fino a metà Dicembre quando le notizie sul caso Parmalat sono diventate allarmanti e gli investitori hanno cercato di rivedere le proprie posizioni.
Da quel momento il ciclo in rosso, quello del Fib 30, ha continuato la sua discesa, mentre gli altri sono risaliti per completare la parte rialzista del secondo quindicinale del mensile in corso.

Mi riesce difficile pensare che i nostri cicli possano rimanere a lungo spaiati da quelli americani ed europei, e quindi sono portato a credere che fra pochi giorni, non appena ci sarà la correzione dei cicli americani per la chiusura del ciclo mensile, anche noi ci accoderemo e rientreremo nella stessa situazione ciclica degli altri indici euro-usa.

Tutto questo, sempre che io abbia ragione, si tradurrà in un ulteriore ribasso degli indici italiani.
 

Nino Asaro

                     

 

 

 

 

 

Hit Counter